Vai ai contenuti.

Cortinoturismo.it

Cortinoturismo.it

Tu sei qui: Home Il Territorio Itinerari naturalistici Il bosco di Alvisopoli
Azioni sul documento

Il bosco di Alvisopoli

Un'oasi gestita da Wwf

Il parco di Villa Mocenigo ad Alvisopoli è un residuo di bosco planiziario di pianura, trasformato dal nobile Alvise Mocenigo in giardino alla moda annesso alla villa padronale. Il patrizio veneziano vi inserì specie esotiche, vi scavò canali e aprì una serie di sentieri delimitati da siepi di bosso.

Oggi il bosco è oasi gestita dal WWF: all’interno una rete di sentieri che si snodano tra canali, collinette e un laghetto centrale, consente di ammirare, nelle diverse stagioni, alberi e cespugli autoctoni accanto agli esemplari introdotti dal Mocenigo e di conoscere le specie animali che popolano l’area.

L’olmo comune, l’acero campestre, il carpino bianco, la farnia, sono essenze tipiche delle nostre pianure; l’ippocastano e l’albero di Giuda sono specie introdotte.

Il sottobosco nelle varie stagioni si colora grazie alla presenza della pervinca, del sigillo di Salomone, della viola, dell’aglio orsino e di anemoni, primule ed orchidee.

Tra le fronde si possono ascoltare pettirossi, scriccioli, merli, fringuelli, il picchio, la nitticora e le garzette. Le acque del laghetto ospitano la rana di Lataste, in via d’estinzione, la biscia d’acqua e pesci d’acqua dolce.

Prossimi eventi

Programma di iniziativa comunitaria Interreg IIIA Italia-Slovenia
Il Cortino di Fratta:
un modello transfrontaliero di cooperazione culturale cod. BBVEN332479 confinanziato dall'Unione Europea mediante FESR - Iniziativa Comunitaria Interreg IIIA Italia-Slovenia 2000-2006

- Unione Europea   - Governo Italiano   - Regione Veneto   - Rebubblika Slovenija